Erika Salonia Psicologa (Messina)
info@saloniapsicologa.it
3341199003

Disturbo bipolare (Erika Salonia Psicologa)

Disturbo BipolareTempo di lettura: 7 minuti

> Tempo di lettura stimato: 7 minuti
Print Friendly and PDF
info@saloniapsicologa.it

Descrizione

Il disturbo bipolare è caratterizzato da importanti cambiamenti dell’umore con l’alternanza di fasi depressive e fasi di esagerata euforia, note come episodi maniacali.

Definizione

I disturbi bipolari, denominati anche come malattia maniaco-depressiva, sono rappresentati da un gruppo di disturbi che, in modo alternato, causano cambiamenti di umore ed eccessiva vivacità. I sintomi del disturbo bipolare sono rilevanti e possono portare a compromettere i rapporti sociali e personali, ad uno scarso rendimento lavorativo o scolastico e persino ad azioni e comportamenti violenti verso se stessi e gli altri. Esistono diversi tipi di disturbi bipolari. 

Il disturbo bipolare di tipo I si riferisce a una condizione in cui l’individuo sperimenta un episodio maniacale per almeno una settimana e in cui possono anche verificarsi stati depressivi

Il disturbo bipolare di tipo II si riferisce alla presenza di un episodio ipomaniacale attuale o passato, che è una forma leggermente meno grave di mania, e anche alla presenza di un episodio attuale o passato di depressione maggiore.

Un episodio maniacale è un periodo di umore anormalmente elevato o irritabile che include un aumento anomalo del livello di energia e dura per almeno una settimana. Inoltre, una persona che sta sperimentando la mania può presentare cambiamenti del suo comportamento abituale, tra cui un improvviso aumento di autostima, una diminuzione del bisogno di dormire, essere più loquace e facilmente distratto e un coinvolgimento in attività che hanno un alto potenziale di conseguenze dannose come il gioco d’azzardo, acquisti compulsivi, sessualità impulsiva.

Le persone che stanno vivendo un episodio maniacale sono spesso descritte come eccessivamente allegre e “credono di essere sempre al centro dell’attenzione”. Spesso, tuttavia, l’umore dominante durante un episodio maniacale è l’irritabilità, chi ne soffre suscita negli altri ostilità e rabbia, in particolare se si tenta di contrastare tale comportamento. Durante un episodio maniacale, una persona può iniziare diversi nuovi progetti e sentire di essere in grado di realizzare qualsiasi cosa, indipendentemente dal suo livello di esperienza, talento e/o difficoltà. Spesso, i pensieri si avvicendano molto velocemente e il passaggio da un argomento all’altro dà luogo a concetti incoerenti o sconclusionati.

Talvolta, specialmente all’inizio, il disturbo bipolare non è riconosciuto e le persone possono soffrire per molto tempo prima di ricevere adeguata diagnosi e trattamento. Infatti, coloro che soffrono di tale disturbo di frequente non percepiscono il malessere, ponendo resistenza alle cure. Il percorso terapico è estremamente importante, se si considera che il rischio di suicidio tra le persone con disturbo bipolare è almeno 15 volte superiore a quello della popolazione generale.

Sintomi

► Segni e sintomi di un episodio maniacale:

• Aumento di energia, attività sfrenata e irrequietezza;

• Umore eccessivamente alto, euforia;

• Irritabilità estrema;

• Pensieri incalzanti e loquacità smisurata, saltando da un discorso all’altro;

• Distrazione e mancanza di concentrazione;

• Bisogno di dormire ridotto al minimo;

• Credenze non realistiche nelle proprie abilità e poteri personali;

• Scarsa capacità di giudizio;

• Shopping esagerato;

• Aumento del desiderio sessuale violento e irrispettoso;

• Abuso di sostanze come droghe, in particolare, cocaina, alcol e farmaci per dormire;

• Comportamento provocatorio, intrusivo e aggressivo;

• Negare che qualcosa non va bene in se stesso.

► Segni e sintomi di un episodio depressivo:

• Stato d’animo triste, ansioso e senso di vuoto;

• Senso di disperazione e pessimismo;

• Sentimenti di colpa, inutilità e impotenza;

• Perdita di interesse o piacere nelle attività preferite, compreso il sesso;

• Diminuzione di energia, sensazione di affaticamento;

• Difficoltà a concentrarsi, ricordare, prendere decisioni;

• Irrequietezza o irritabilità;

• Dormire in eccesso, o poco;

• Dolore cronico o altri sintomi fisici persistenti non causati da malattie o lesioni fisiche;

• Pensieri di morte e/o tentativi di suicidio.

Un episodio depressivo viene diagnosticato se cinque o più dei sintomi succitati durano per quasi tutto il giorno, quasi ogni giorno, per un periodo di due settimane o più.

A volte, episodi gravi di mania o depressione includono sintomi di psicosi. I sintomi psicotici più comuni sono le allucinazioni (udire, vedere o percepire in altro modo la presenza di cose che in realtà non esistono) e le convinzioni (credenze false e fortemente radicate non influenzate dal ragionamento logico o spiegate dai consueti concetti culturali di una persona). I sintomi psicotici nel disturbo bipolare tendono a riflettere lo stato dell’umore estremo in quel momento. Le persone con tale disturbo che hanno questi sintomi sono a volte erroneamente diagnosticate come affette da schizofrenia.

In alcune persone, tuttavia, i sintomi di mania e depressione possono verificarsi insieme in quello che viene chiamato disturbo bipolare con caratteristiche miste. Una persona, ad esempio, può avere uno stato d’animo molto triste e senza speranza e allo stesso tempo sentirsi estremamente energica.

Alcuni segnali importanti sono rappresentati da cambiamenti improvvisi del comportamento o dello stile di vita. Tali problemi, infatti, possono essere segni di un disturbo dell’umore sottostante.

Alcune persone con disturbo bipolare possono pensare al suicidio. Chiunque sia in questa condizione ha bisogno di attenzione immediata, preferibilmente da un professionista della salute mentale o da un medico. E, in tal caso, i familiari e gli amici dovrebbero prendere seriamente provvedimenti adeguati. Riconoscere precocemente il disturbo bipolare e imparare a gestirlo può ridurre e annullare la possibilità che si verifichino gesti estremi.

Decorso del disturbo bipolare

Quando quattro o più episodi di malattia si verificano entro un periodo di 12 mesi, si indica come disturbo bipolare a ciclo rapido. Alcune persone sperimentano più episodi in una sola settimana o anche in un solo giorno. Il ciclismo rapido tende a svilupparsi più tardi nel corso della malattia ed è più comune tra le donne rispetto agli uomini.

Le persone con disturbo bipolare possono condurre una vita sana e produttiva quando la malattia viene trattata efficacemente. Senza trattamento, tuttavia, il decorso naturale del disturbo bipolare tende a peggiorare. Nel corso del tempo una persona può soffrire di cicli rapidi più frequenti e di episodi maniacali e depressivi più gravi di quelli vissuti quando la malattia è comparsa per la prima volta. Nella maggior parte dei casi, un trattamento adeguato può aiutare a ridurre la frequenza e la gravità degli episodi e a mantenere una buona qualità della vita.

Condizioni che possono verificarsi in concomitanza con il disturbo bipolare

L’abuso di alcol e droghe è molto comune tra le persone con disturbo bipolare. I risultati della ricerca suggeriscono che molti fattori possono contribuire a questi problemi di abuso di sostanze, tra cui l’automedicazione dei sintomi, i sintomi dell’umore indotti o perpetuati dall’abuso di sostanze e i fattori di rischio che possono influenzare l’insorgenza sia del disturbo bipolare che dei disturbi dell’uso di sostanze. Il trattamento per l’abuso di sostanze concomitanti, quando presente, è una parte importante del piano di trattamento generale.

Disturbi d’ansia, come attacchi di panico e ansia sociale, possono anche essere comuni nelle persone con disturbo bipolare. 

Le Cause

Gli studiosi stanno cercando le possibili cause del disturbo bipolare. La maggior parte di loro concorda sul fatto che non esista un’unica causa per il disturbo bipolare; piuttosto, molti fattori agiscono insieme per produrre la malattia.

Uno dei più forti fattori di rischio per lo sviluppo del disturbo bipolare può essere trovato nella storia familiare della malattia. Poiché i parenti adulti di individui con disturbi bipolari I e bipolari II presentano un rischio medio maggiore di 10 volte, i ricercatori sono alla ricerca di fattori genetici specifici che possano aumentare le probabilità di sviluppo della malattia di una persona. 

È probabile che molti geni agiscano insieme e in combinazione con altri fattori, come l’ambiente sociale. 

Gli studi di imaging cerebrale stanno aiutando i ricercatori a scoprire cosa non funziona nel cervello di chi soffre di disturbo bipolare. Nuove tecniche consentono di “fotografare” il cervello, di esaminarne la struttura e l’attività, senza la necessità di interventi chirurgici o altre procedure invasive. Queste tecniche comprendono la risonanza magnetica (MRI), la tomografia a emissione di positroni (PET) e la risonanza magnetica funzionale (fMRI). Studi di imaging hanno dimostrato che il cervello delle persone con disturbo bipolare può differire da quello di individui sani. Poiché le differenze sono più chiaramente identificate e definite attraverso la ricerca, gli scienziati dovrebbero essere in grado di comprendere meglio le cause alla base della malattia e determinare i trattamenti più efficaci.

Trattamenti

La maggior parte delle persone con disturbo bipolare, anche quelli con le forme più gravi, può raggiungere una sostanziale stabilizzazione dei propri sbalzi d’umore e dei relativi sintomi con un trattamento opportuno. Poiché il disturbo bipolare è una malattia ricorrente, il trattamento preventivo continuo a lungo termine è fortemente raccomandato e quasi sempre indicato. Una strategia che combina farmaci e trattamento psicoterapeutico è ottimale per gestire il disturbo nel tempo. Anche quando non ci sono interruzioni di trattamento, possono verificarsi cambiamenti di umore e dovrebbero essere segnalati immediatamente allo psicologo.

Inoltre, mantenere un grafico dei sintomi dell’umore quotidiano, le reazioni, la qualità del riposo e gli eventi della vita può aiutare le persone con disturbo bipolare e le loro famiglie a comprendere meglio la malattia.

► Funzione tiroidea

Le persone con disturbo bipolare, in particolare quelle con un rapido ciclo dell’umore, spesso hanno una funzione anormale della tiroide. Poiché un ormone tiroideo troppo grande o troppo piccolo da solo può portare a cambiamenti di umore e di energia, è importante che i livelli di tiroide siano attentamente monitorati da un medico.

► Terapia psicoterapeutica

In aggiunta alla terapia farmacologica, i trattamenti psicoterapeutici sono fondamentali per fornire sostegno, indicazioni utili ai pazienti e alle loro famiglie. Gli studi hanno dimostrato che questi interventi possono portare ad un aumento della stabilità dell’umore, a un minor numero di ricoveri ospedalieri e al miglioramento del funzionamento in diverse aree. In genere, lo psicologo collabora con lo psichiatra per monitorare i progressi. Il numero, la frequenza e il tipo di sessioni dovrebbero essere basati sulle esigenze di trattamento individuale.

Gli interventi psicoterapeutici comunemente usati per il disturbo bipolare sono la psico-educazione e la terapia sistemico-familiare. Tale terapia utilizza strategie per diminuire il livello di disagio familiare che può contribuire a ridurre e, via-via, ad annullare i sintomi della persona malata.

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Gli articoli in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il confronto diretto con il proprio medico curante.

CONDIVIDI CON CHI HA BISOGNO DI AIUTO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su skype

CONDIVIDI CON CHI HA BISOGNO DI AIUTO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pocket
Pocket
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su tumblr
Tumblr

Altri articoli che potrebbero interessarti

STAI VIVENDO UN PICCOLO DISAGIO? NON ASPETTARE CHE DIVENTI UN GRANDE PROBLEMA

Consulenza Psicologica Online?
Conveniente Confidenziale Comoda e Flessibile

Nota Bene: La Psicologa Erika Salonia propone argomenti di pertinenza psicologica, con l’obiettivo di sensibilizzare i lettori alla cultura della salute mentale, per promuovere il cambiamento e il benessere psicofisico, migliorare la qualità della vita, stimolare le risorse delle persone e dei contesti e, soprattutto, per impedire che il disagio divenga malattia. Informa, altresì l’utenza, che gli articoli in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il confronto diretto con il proprio medico curante.

Copyright: Tutto il materiale scritto dalla Dr.ssa Erika Salonia è disponibile sotto la licenza Creative Common Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Significa che il testo può essere riprodotto a patto di citare la fonte e di linkare la pagina web di riferimento o l’homepage del sito, di non usarlo per fini commerciali e di condividerlo con la stessa licenza.