Erika Salonia Psicologa (Messina)
info@saloniapsicologa.it
3341199003

Effetti dello stress sul corpo

Effetti dello Stress sul Corpo

Quando lo Stress colpisce il Sistema Immunitario, il corpo può diventare vulnerabile

CONSULENZA  PSICOLOGICA ONLINE
PER TE CHE NAVIGHI DA MOBILE

Se lo stress aumenta e supera il livello che per noi è il punto estremo, oltre il quale una situazione critica rischia di sfuggire al nostro controllo e diventare pericolosa, può dare corso a una serie di reazioni che possono peggiorare lo stato di salute psico-fisico della persona, come ad esempio, tra i più frequenti: Ansia, Emicrania, Disturbi gastrointestinali e dell’alimentazione, Tremito, Influenze e raffreddori, Aumento della frequenza cardiaca, Vampate di calore e sudorazione, Vertigini, Stanchezza.

SCHEDE
Sistema Muscolo-Scheletrico | Sistema Respiratorio | Sistema Cardiovascolare | Sistema Gastrointestinale
Sistema Nervoso | Sistema Riproduttivo Maschile | Sistema Riproduttivo Femminile

Sistema Muscolo-Scheletrico

SISTEMA MUSCOLO SCHELETRICO

Il sistema muscolo-scheletrico è composto dall’insieme di ossa, articolazioni e muscoli e la loro azione combinata sostiene l’organismo e ne permette i movimenti.

Quando il corpo è stressato, i muscoli si irrigidiscono. La tensione muscolare è quasi una reazione riflessa allo stress, ovvero è il modo di proteggere il corpo dalle lesioni e dal dolore.

Con lo stress ad insorgenza improvvisa, i muscoli si irrigidiscono tutti contemporaneamente e poi rilasciano la loro tensione quando lo stress passa. Lo stress cronico fa sì che i muscoli del corpo si trovino in uno stato di guardia più o meno costante. Quando i muscoli sono tesi per lunghi periodi di tempo, questo può innescare altre reazioni del corpo e persino promuovere altri disturbi legati allo stress. Ad esempio, sia il mal di testa da tensione che l’emicrania sono associati a tensioni muscolari croniche nell’area delle spalle, del collo e della testa. Anche il dolore muscolo-scheletrico nella parte bassa della schiena e negli arti superiori è stato collegato allo stress, specialmente quello da lavoro. 

Milioni di individui soffrono di condizioni dolorose croniche secondarie ai disturbi muscoloscheletrici. Coloro che curano solo la causa fisica che provoca il dolore, in genere hanno una guarigione temporanea rispetto alle persone che ricercano anche le cause emotive (Vedi Depressione e Artrite Reumatoide). 

Tecniche di rilassamento e terapie psicologiche hanno dimostrato di ridurre efficacemente la tensione muscolare, diminuire l’incidenza di alcuni disturbi legati allo stress (emicrania, dolori agli arti, ecc.) e aumentare il senso di benessere.

SISTEMA RESPIRATORIO

L’apparato respiratorio fornisce ossigeno alle cellule e rimuove l’anidride carbonica dal corpo. L’aria entra dal naso e attraversa la laringe, poi la trachea, i polmoni e i bronchi. I bronchioli trasferiscono quindi ossigeno ai globuli rossi per la circolazione.

Lo stress e le forti emozioni possono causare mancanza di respiro o respiro accelerato, poiché le vie aeree, tra il naso e i polmoni, si restringono. Per le persone che non soffrono di malattie respiratorie, ciò non è un problema, in quanto il corpo riesce a gestire il lavoro supplementare, ma gli stressors psicologici possono acutizzare i problemi respiratori per le persone con malattie respiratorie preesistenti, come l’asma, l’enfisema, le apnee notturne, ecc.

La respirazione accelerata – o iperventilazione – causata dallo stress può provocare improvvisi attacchi di panico nei soggetti predisposti.

Sistema Respiratorio

Non vuoi o non puoi raggiungermi in Studio?

Soluzione ottimale per problemi di privacy
difficoltÁ a muoversi da casa
convenienza economica

Sistema Cardiovascolare

SISTEMA CARDIOVASCOLARE

Il cuore e i vasi sanguigni comprendono i due elementi del sistema cardiovascolare che lavorano insieme fornendo nutrimento e ossigeno agli organi del corpo. 

Stress acuto (momentaneo): in genere a breve termine, provoca un aumento della frequenza cardiaca e contrazioni del muscolo cardiaco, con produzione degli ormoni dello stress – adrenalina, noradrenalina e cortisolo – che agiscono come messaggeri per questi effetti. Inoltre, i vasi sanguigni che dirigono il sangue verso i grandi muscoli e il cuore si dilatano, aumentando così la quantità di sangue pompato verso queste parti del corpo e la pressione sanguigna. Tale reazione, automatica e innata nel corpo umano, è nota come la “risposta al combattimento o alla fuga” (Walter Cannon, 1920).

Lo stress cronico è uno stress costante sperimentato per un periodo prolungato di tempo e può causare complicazioni per cuore e vasi sanguigni. L’aumento costante per lunghi periodi della frequenza cardiaca e gli elevati livelli di ormoni dello stress e della pressione arteriosa possono causare danni al corpo. Questa tensione continua a lungo termine può aumentare il rischio di ipertensione, infarto o ictus.

Lo stress acuto ripetuto e lo stress cronico persistente possono anche contribuire all’infiammazione del sistema circolatorio, in particolare delle arterie coronarie, e questa condizione – si pensa – collega lo stress all’infarto. Sembra anche che il modo in cui la persona risponde allo stress possa influenzare i livelli di colesterolo.

Il rischio di malattie cardiache associate allo stress sembra essere diverso per le donne che siano in pre- o post-menopausa. I livelli di estrogeni in pre-menopausa sembrano aiutare i vasi sanguigni a rispondere meglio durante lo stress, proteggendole così dalle malattie cardiache. Le donne in post-menopausa perdono questo livello di protezione a causa della perdita di estrogeni.

SISTEMA ENDOCRINO

Quando un individuo percepisce che una situazione è difficile e ostile, il cervello avvia una sequenza di reazioni che coinvolgono l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA – sigla dell’ingl. Hypothalamic-Pituitary-Adrenal axis, «asse ipotalamo-ipofisi-surrene»), che è il principale motore della risposta allo stress endocrino. Tale risposta alla fine si traduce in un aumento della produzione di ormoni steroidei chiamati glucocorticoidi (classe di ormoni steroidei che sono prodotti in particolare nella zona fascicolata della corticale del surrene), che introducono nel corpo il cortisolo, spesso definito come “l’ormone dello stress”.

L’Asse HPA

Durante i periodi di stress, l’ipotalamo, che collega il cervello e il sistema endocrino, segnala alla ghiandola pituitaria di produrre un ormone, che a sua volta segnala alle ghiandole surrenali, situate sopra i reni, di aumentare la produzione di cortisolo. Il cortisolo aumenta il livello di energia disponibile, mobilitando il glucosio e gli acidi grassi dal fegato. Durante un evento stressante, l’aumento del cortisolo può fornire l’energia necessaria per affrontare una minaccia, prolungata o estrema.

Stress e salute

I glucocorticoidi, incluso il cortisolo, sono importanti per regolare o aumentare l’attivazione del sistema immunitario. Lo stress cronico può compromettere la comunicazione tra il sistema immunitario e l’asse HPA e dare luogo ad affaticamento cronico, disturbi metabolici (ad es. diabete, obesità), depressione e disordini immunitari.

Sistema Endocrino
Sistema Gastrointestinale

SISTEMA GASTROINTESTINALE

L’intestino ha centinaia di milioni di neuroni che possono funzionare in modo abbastanza indipendente e sono in costante comunicazione con il cervello. Lo stress può influenzare questa comunicazione cervello-intestino e può provocare dolore, gonfiore e altri disturbi intestinali. L’intestino è anche popolato da milioni di batteri che possono influenzare il corpo e la salute psichica, influendo sulla capacità di pensare e influenzare le emozioni. Lo stress è associato a cambiamenti nei batteri intestinali che a loro volta possono influenzare l’umore. Pertanto, i nervi e i batteri dell’intestino influenzano fortemente il cervello e viceversa.

Lo stress precoce della vita può modificare lo sviluppo del sistema nervoso e il modo in cui il corpo reagisce allo stress. Questi cambiamenti possono aumentare il rischio di malattie intestinali o disfunzioni.

SISTEMA NERVOSO

Il sistema nervoso ha diverse suddivisioni: il sistema centrale che coinvolge il cervello e il midollo spinale e il sistema periferico costituito dal sistema nervoso autonomo e somatico. Il sistema nervoso autonomo (SNA) ha un ruolo diretto nella risposta fisica allo stress ed è diviso nel sistema nervoso simpatico (SNS) e nel sistema nervoso parasimpatico (SNP). Quando il corpo è stressato, l’SNS contribuisce alla cosiddetta risposta “combatti o fuggi” (vedi Sistema cardiovascolare). L’SNS segnala alle ghiandole surrenali di rilasciare ormoni chiamati adrenalina (epinefrina) e cortisolo (vedi Sistema endocrino). Questi ormoni, insieme alle azioni dirette dei nervi autonomi, fanno battere il cuore più velocemente (vedi Sistema cardiovascolare), aumentare la frequenza respiratoria (vedi Sistema respiratorio), dilatare i vasi sanguigni delle braccia e delle gambe (vedere Sistema muscoloscheletrico), modificare il processo digestivo e aumentare i livelli di glucosio nel flusso sanguigno per far fronte all’emergenza (vedi Sistema gastrointestinale).

La risposta SNS è abbastanza repentina al fine di preparare il corpo a rispondere a una situazione di emergenza. Una volta che la crisi è terminata, il corpo di solito ritorna allo stato pre-emergenza. Questa ripresa è facilitata dal SNP, che generalmente ha effetti opposti sulla SNS. Ma la sovra-attività della SNP può anche contribuire a reazioni di stress, promuovendo la broncocostrizione (ad es. in chi soffre di asma) o l’eccessiva vasodilatazione, compromettendo la regolare pressione sanguigna. Sia il SNS che il SNP hanno potenti interazioni con il sistema immunitario. Il sistema nervoso centrale è particolarmente importante nell’innescare le risposte allo stress, in quanto regola il sistema nervoso autonomo e svolge un ruolo centrale nell’interpretare i contesti come potenzialmente minacciosi.

Sistema Nervoso
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su skype
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pocket
Pocket
Condividi su email
Email
Condividi su linkedin
LinkedIn
Sistema Riproduttivo Maschile

SISTEMA RIPRODUTTIVO MASCHILE

Il sistema riproduttivo maschile è influenzato dal sistema nervoso. La parte parasimpatica del sistema nervoso causa rilassamento mentre la parte simpatica causa eccitazione. Nell’anatomia maschile, il sistema nervoso autonomo produce testosterone e attiva il sistema nervoso simpatico, che crea eccitazione. Lo stress induce il corpo a rilasciare l’ormone cortisolo (vedi Sistema endocrino). Il cortisolo è importante per la regolazione della pressione arteriosa e il normale funzionamento di diversi organi. Quantità eccessive di cortisolo possono influenzare il normale funzionamento biochimico del sistema riproduttivo maschile.

Desiderio sessuale e Riproduzione

Lo stress cronico può influenzare la produzione di testosterone, con conseguente calo del desiderio sessuale o della libido, e può anche causare disfunzione erettile o impotenza. Può anche avere un impatto negativo sulla produzione e sulla maturazione dello sperma, causando difficoltà alle coppie.

STAI VIVENDO UN PICCOLO DISAGIO? NON ASPETTARE CHE DIVENTI UN GRANDE PROBLEMA

SISTEMA RIPRODUTTIVO FEMMINILE

Ciclo mestruale

Lo stress può influenzare le mestruazioni delle ragazze e delle donne adolescenti in diversi modi. Ad esempio, alti livelli di stress possono essere associati a cicli mestruali assenti, irregolari o più dolorosi e cambiamenti nella durata del ciclo stesso.

Desiderio sessuale

Lo stress può ridurre il desiderio sessuale, specialmente quando le donne si prendono cura dei nascituri (post parto), di familiari malati, oppure quando devono affrontare problemi medici cronici, depressione, difficoltà o abusi relazionali, problemi di lavoro. 

Gravidanza

Lo stress può influire negativamente sulla capacità di concepire della donna, sullo stato della sua gravidanza. La depressione è la complicanza principale della gravidanza e dell’adattamento al post-parto. Lo stress eccessivo aumenta la probabilità di sviluppare depressione e ansia durante questo periodo. Lo stress materno può avere un impatto negativo sullo sviluppo infantile fetale e può compromettere il legame con il bambino nelle settimane e nei mesi successivi al parto.

Sindrome premestruale (PMS)

Lo stress può rendere i sintomi premestruali peggiori o più difficili da affrontare e stressanti per molte donne. Questi sintomi includono crampi, ritenzione di liquidi e gonfiore, improvvisi sbalzi d’umore e pensieri negativi.

Menopausa

Con l’avvicinarsi della menopausa, i livelli ormonali oscillano rapidamente. Questi cambiamenti sono associati ai disturbi di ansia, sbalzi d’umore e sentimenti di angoscia. Alcuni dei cambiamenti fisici associati alla menopausa, specialmente le vampate di calore, possono essere difficili da affrontare. Inoltre, il disagio emotivo può causarne un peggioramento.

Malattie del sistema riproduttivo

Quando lo stress è elevato, aumenta la possibilità di aggravare eventuali sintomi di malattie dell’apparato riproduttivo, come: Herpes Simplex Virus di tipo 2 (HSV 2 anche detto Herpes genitale) e La sindrome dell’ovaio policistico

Sistema Riproduttivo Femminile

Via San Sebastiano 10 Messina

+39 334 119 9003

info@saloniapsicologa.it