dismorfismo corporeo (Erika Salonia Psicologa)

Dismorfismo Corporeo4 min. lettura

> Tempo di lettura stimato: 4 minuti
Print Friendly and PDF
Articolo scritto dalla Dr.ssa Erika Salonia

Disturbo da Dismorfismo Corporeo (prima denominato Dismorfofobia – vedi altro articolo su Medicitalia).


Descrizione

Il dimorfismo corporeo è un disturbo mentale in cui non si può smettere di pensare a uno o più difetti “percepiti” nel proprio aspetto che non siano conformi agli standard e che – si crede – stimolino giudizi sgradevoli altrui su di sé. Tali difetti che, per altri, sono minori o non osservabili, sono invece talmente reali per chi li avverte da comportare grande imbarazzo e ansia, al punto da evitare le relazioni sociali.

Quando soffri di disturbi di dismorfismo corporeo, sei ossessionato profondamente dall’aspetto e dall’immagine del tuo corpo (vedi “Concetto di bellezza e influenza culturale” pubblicato su Medicitalia), controllandolo ripetutamente allo specchio, curandolo o cercando rassicurazioni, a volte per molte ore al giorno. Il tuo difetto percepito e i comportamenti ripetitivi ti causano un disagio significativo e influiscono sulla tua capacità di gestire positivamente la tua vita quotidiana.

Puoi cercare pseudo-soluzioni nella cosmetica o nella chirurgia estetica per tentare di “aggiustare” il tuo difetto percepito. A seguito degli (pseudo) interventi potresti provare una temporanea soddisfazione. Tuttavia, l’ansia non tarda a tornare più forte di prima spingendoti a ricominciare tutto daccapo.

Il trattamento del disturbo da dismorfismo corporeo può includere la psicoterapia e la cura farmacologica.

Sintomi

Segni e sintomi del disturbo:

  • Essere estremamente preoccupato di un difetto (percepito) nel proprio aspetto;
  • Forte convinzione che hai un difetto che ti rende sgradevole o deformato;
  • Credi che gli altri prendano in particolare considerazione il tuo aspetto in modo dispregiativo o che si prendano gioco di te;
  • Impegnarsi in comportamenti volti a fissare o nascondere il difetto (percepito) cui è difficile resistere, come ad esempio guardarsi frequentemente allo specchio, pulirsi eccessivamente e stuzzicarsi la pelle;
  • Tentativi tesi a nascondere i difetti (percepiti) con il trucco o con il vestiario;
  • Confrontarsi costantemente con gli altri;
  • Cercare negli altri parole di rassicurazione circa il tuo aspetto;
  • Avere tendenze perfezioniste;
  • Difficoltà nelle relazioni personali, evitando anche i contesti sociali e lavorativi.

Potresti ossessionarti su una o più parti del tuo corpo:

  • Viso (naso, occhi, carnagione, rughe, acne e altro);
  • Capelli;
  • Mani e piedi;
  • Aspetto della pelle e delle vene;
  • Dimensione imperfetta del seno;
  • Dimensione e tono muscolare;
  • Genitali.

Il disturbo inizia tipicamente nei primi anni dell’adolescenza (età media 16 anni) e colpisce sia i maschi che le femmine. L’ossessione che il proprio corpo sia troppo piccolo o non sufficientemente muscoloso (dismorfismo muscolare) si verifica quasi esclusivamente nei maschi.

Il disturbo è presente con una incidenza che varia dal 9% al 12% nei pazienti con problemi dermatologici, dal 3% al 53% nei pazienti sottoposti a interventi di chirurgia estetica, dall’8% al 37% in soggetti con disturbo ossessivo compulsivo, dal 10 al 13% nei soggetti con fobia sociale e dal 14% al 42% in quelli con disturbo depressivo maggiore (Fonte APA anno di rilevazione 2014).

Quando consultare un medico

La vergogna e l’imbarazzo riguardo alla tua immagine corporea potrebbero impedirti di cercare assistenza. Ma se ti senti a disagio per il tuo aspetto, consulta il tuo medico o un professionista della salute mentale.

Tale disturbo non migliora da solo e, se non curato, può peggiorare nel tempo, causando depressione grave e ansia, includendo anche le potenziali complicazioni come pensieri e comportamenti violenti verso se stessi e gli altri. Un’altra considerazione deve essere posta alle spese eccessive che dovrebbero coprire o nascondere tali difetti, ma che in realtà – come già scritto – sono illusioni temporanee.

Le cause

Non è noto, specificamente, ciò che causa il dimorfismo corporeo. Esso può derivare da concause, come ad esempio:

  • Costituzione neuronale –  Anomalie nella struttura cerebrale o nella neurochimica possono avere un ruolo determinante;
  • Fattori genetici – Alcuni studi dimostrano che è più comune nelle persone i cui parenti di sangue hanno anche questa condizione o un disturbo ossessivo-compulsivo.
  • Ambiente e fattori culturali – Il tuo ambiente sociale e familiare, le esperienze di vita e la cultura possono contribuire al disturbo da dismorfismo corporeo, specialmente se implicano valutazioni sociali negative, o abusi subiti nell’infanzia.

Fattori di rischio

Alcuni fattori sembrano aumentare il rischio di sviluppare tale disturbo, tra cui:

  • Avere parenti di sangue con stessi sintomi o con disturbo ossessivo-compulsivo;
  • Esperienze di vita negative, come derisione e traumi infantili;
  • Alcuni tratti della personalità, in particolare il perfezionismo;
  • Pressione sociale e/o avere aspettative (dagli altri) sulla tua bellezza esteriore;
  • Avere altri disturbi, come ansia o depressione.

Complicazioni

Complicazioni che possono essere causate o associate al dimorfismo corporeo:

  • Depressione maggiore o altri disturbi dell’umore;
  • Pensieri o comportamenti suicidari;
  • Disturbi d’ansia;
  • Problemi di salute derivanti da comportamenti malsani posti in essere per cercare di migliorarsi;
  • Disturbo ossessivo compulsivo;
  • Problemi alimentari;
  • Abuso di sostanze.

Conclusioni

Non esiste un modo noto per prevenire tale disturbo. Tuttavia, poiché esso inizia spesso nei primi anni dell’adolescenza, identificarlo e iniziare il trattamento precocemente può essere di grande beneficio.

Il trattamento psicologico può mirare alla rielaborazione cognitiva e al riesame del proprio giudizio dei difetti percepiti e agli errori di valutazione che indurranno il soggetto alla naturale accettazione della propria identità.

Il trattamento di mantenimento a lungo termine può anche aiutare a prevenire una ricaduta dei sintomi del disturbo stesso.

CONDIVIDI ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su skype

CONDIVIDI ARTICOLO

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pocket
Pocket
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su tumblr
Tumblr

Altri articoli che potrebbero interessarti

STAI VIVENDO UN PICCOLO DISAGIO? NON ASPETTARE CHE DIVENTI UN GRANDE PROBLEMA

Nota Bene: La Psicologa Erika Salonia propone argomenti di pertinenza psicologica, con l’obiettivo di sensibilizzare i lettori alla cultura della salute mentale, per promuovere il cambiamento e il benessere psicofisico, migliorare la qualità della vita, stimolare le risorse delle persone e dei contesti e, soprattutto, per impedire che il disagio divenga malattia. Informa, altresì l’utenza, che gli articoli in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il confronto diretto con il proprio medico curante.

Copyright: Tutto il materiale scritto dalla Dr.ssa Erika Salonia è disponibile sotto la licenza Creative Common Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Significa che può essere riprodotto a patto di citare la fonte e di linkare la pagina web di riferimento o l’homepage del sito, di non usarlo per fini commerciali e di condividerlo con la stessa licenza.